San Giorgio

San Giorgio

Giorgio, un uomo originario della Cappadocia, era tribuno militare in Palestina. Fu lì che dopo essersi convertito al Cristianesimo donò tutti i suoi beni ai poveri. Dopo, durante la persecuzione di Diocleziano, Giorgio fu arrestato e torturato più volte superando tuttavia queste prime difficoltà. Più in là però fu definitivamente catturato e condannato al martirio come decapitato. Già nel IV secolo sorse un santuario a Lydda in Palestina, dove c’era la sua tomba. Il culto di S.Giorgio, visto come santo patrono dei cavalieri, ebbe un maggior sviluppo nel periodo delle crociate, durante le quali si pensa sia nata la leggenda di S.Giorgio che uccide il drago. Baden Powell stesso ha scelto San Giorgio come patrono di tutti gli scout per le sue virtù e i suoi ideali. Come abbiamo visto il culto di questo santo è antichissimo, ma la sua figura non è affatto leggenda, come qualcuno aveva fatto credere. Le virtù e gli ideali di San Giorgio, nonostante il tempo, risultano ancora attuali e validi. Per questo è importante che ogni capo sappia spiegare con chiarezza ai propri ragazzi la figura di questo santo da prendere come esempio. Ogni anno gli scout sono soliti fare un’uscita in occasione del giorno di S. Giorgio (il 23 aprile).